Come organizzare un trasloco in Italia e all’estero

Traslocare è una di quelle esperienze che fanno parte della vita di ognuno di noi, una tappa quasi obbligata lungo il cammino della crescita.

Che sia per gli studi che hai deciso di intraprendere in un’altra città, o per il fatto che tu abbia deciso di andare a vivere da solo, o nel caso in cui l’arrivo di un figlio ti abbia spinto ad acquistare quella tranquilla, grande casa fuori città,

 ti troverai inevitabilmente a racchiudere “temporaneamente” il passato in un numero imprecisato di scatoloni e a doverli trasportare in un altro luogo, nuovo.

Fare un trasloco è un’esperienza positiva ed entusiasmante, ma può rivelarsi altresì stressante e faticosa. Inoltre molto spesso ci si trova disarmati e spaventati davanti ad un trasferimento: come fare, a chi affidarsi, da dove cominciare?

Abbiamo deciso quindi di illustrarti i passi da compiere per effettuare un trasferimento in modo facile, guidandoti passo passo, sia che tu desideri farlo da te, che affidandoti a professionisti, sia che tu debba trasferirti di ufficio sia che il trasferimento sia di casa, sia in Italia che all’estero: insomma vedremo insieme come organizzare un trasloco in poco tempo e senza stress.

 

Trasloco senza stress? Parola chiave: pianificazione e organizzazione

Qualsiasi sia il tipo di trasloco che ti interessa in un dato momento della vita, ci sono dei principi e dei consigli che sono validi per qualsiasi tipo di trasferimento.

Questi piccoli suggerimenti relativi a come organizzare un trasloco, si basano essenzialmente su due punti: la corretta pianificazione del tempo a disposizione per poter preparare gli scatoloni e una organizzazione funzionale del contenuto delle scatole.

Questo ti permette di non sentirti stravolto e travolto dall’incalzare della data X, e ti consentirà, una volta arrivati nella nuova dimora, di poterti facilmente stabilire, senza perdere del tempo per ritrovare il tutto.

Questa serie di consigli possiamo ricondurli a tre fasi principali:

 

  • Cose da fare prima di iniziare.

  • Preparazione degli scatoloni.

  • Trasloco vero e proprio.

 

Come organizzare un trasloco in Italia e allestero 1

Come organizzare un trasloco: le fasi iniziali

Prima ancora di pensare ad impacchettare e smontare tutto ciò che ti servirà nella tua nuova dimora o nel tuo nuovo ufficio, ci sono delle cose che potresti e dovresti fare, che senza dubbio ti semplificheranno la vita dopo.

Piccoli gesti che metteranno ordine nel caos che sarà proprio della fase successiva.

Ma andiamo con ordine:

 

1. Decluttering: liberati del superfluo

Prima ancora di mettere le mani in pasta, ti consigliamo di fare un’operazione di decluttering; questo ti permetterà di eliminare quello che non ti serve e di diminuire la quantità di oggetti da dover spostare; ma come fare?

Per prima cosa, già qualche mese prima di traslocare, inizia con il domandarti se determinati vestiti o oggetti presenti nella tua casa siano stati usati nell’ultimo anno; se la risposta è no, di sicuro potrai farne a meno anche per i prossimi a venire.

Grazie a questa operazione, non solo diminuirai la quantità di scatole da dover preparare, ma ti libererai anche dal superfluo e avrai maggior spazio nei nuovi luoghi che andrai ad abitare.

 

2. Acquista prima tutto il materiale necessario

Molto spesso, c’è chi preferisce acquistare il materiale necessario al trasferimento solo nel momento in cui questo è necessario: niente di più sbagliato.

Come detto in apertura, il segreto che sta dietro alla domanda “come organizzare un trasloco senza stress” è proprio la pianificazione, perciò assicurati di avere tutto ciò di cui hai bisogno prima di iniziare a smontare e inscatolare:

 

  • Controlla di avere a disposizione tutti gli attrezzi da lavoro per l'eventuale smontaggio di mobili.

  • Sempre per quanto riguarda i mobili, procurati dei sacchetti con chiusura, ideali per riporre viti e bulloni necessari al rimontaggio degli stessi.

  • Calcola il numero delle scatole che ti saranno utili; quando sei arrivato ad un'idea di quante te ne servano, moltiplica per tre quel numero (di solito, si tende a fare una stima al ribasso della quantità necessaria). A meno che tu non abbia scatole già usate da riutilizzare, ti consigliamo di acquistare quelle hanno i manici laterali e il fondo automatico. Si riveleranno le migliori quando avrai bisogno di montarle velocemente e quando dovrai spostarle da un punto all’altro.

  • Procurati teli di plastica per proteggere i mobili, pluriball, nastro adesivo da pacchi, pennarelli indelebili e tutto ciò che pensi possa esserti utile nel prepare gli oggetti che dovrai spostare.

 

3. L’importanza del catalogare e organizzare gli scatoloni

Ancor prima di imballare oggetti, vestiti e mobili, provvedi a preparare una lista o un sistema di catalogazione che ti permetta di avere un inventario di ciò che porterai con te e, allo stesso tempo, che ti aiuti nell’organizzare le scatole a seconda del luogo di provenienza degli oggetti, suddividendoli il più possibile per categoria.

Quindi suddividi quanto più possibile le scatole ad esempio per stanza di destinazione.

Una volta chiuse, provvedi a numerarle e magari a contrassegnarle con un colore specifico che assegnerai ad una stanza. Per esempio: cucina rosso, bagno giallo e così dicendo. Segna su questa lista il numero della scatola e orientativamente il contenuto.

Questo sistema ti farà risparmiare tempo ed energie quando, una volta arrivati a destinazione, dovrai smistare le varie scatole nelle stanze e quando cercherai una determinata cosa. Andrai avanti spedito senza intoppi!

 

4. Prepara il kit del traslocatore perfetto

Per velocizzare la preparazione delle scatole ed evitare inutili perdite di tempo, prima di iniziare, prepara delle scatole con all’interno tutto ciò che ti serve per le operazioni di imballaggio.

Perciò inserisci forbici, nastro adesivo, eventuale materiale di riempimento, carta da pacchi e prepara varie scatole da dislocare in vari punti della casa: avrai sempre a disposizione il necessario e non perderai tempo nel cercare forbici e nastro lasciato in giro.

 

Come organizzare un trasloco in Italia e allestero 2

 

È ora di preparare gli scatoloni

Con tutto a disposizione, potrai ora provvedere a smontare, imballare e inscatolare tutto ciò che avrai deciso di portare con te nella nuova vita o sul nuovo posto di lavoro;

Tieni sempre a mente due punti:

  1. Pianifica le operazioni di imballaggio nel tempo. Non pensare di poterlo fare in pochi giorni, o meglio, potrai farlo in pochi giorni ma al prezzo di stress, stanchezza e nervosismo. Organizzare un trasloco non è una passeggiata e distribuire nel tempo il lavoro, ti permette di accusare meno la sensazione di fatica e di avere più energie mentali da dedicare alla pianificazione del trasloco.

  2. Procedi con metodo nel mettere via gli oggetti. Parti da quelli di cui non hai bisogno nell’immediato e termina con gli oggetti di uso comune: fa nulla se ti sposterai da una stanza all’altra. In questo caso il sistema di catalogazione illustrato prima ti consentirà di mantenere l’ordine e non avrai mai la sensazione durante il trasloco che ti manchi qualcosa di necessario.

 

Detto ciò inizia prima dagli scatoloni, partendo dagli oggetti e vestiti di cui non hai bisogno nell’immediato, provvedi a montare la scatola e seguire questi 5 consigli:

  • Non superare mai i 20/30 chilogrammi per scatola; soprattutto nel caso tu scelga di avvalerti di un servizio di corriere espresso per il trasloco. Pacchi che rientrano nella grammatura standard hanno un costo nettamente inferiore rispetto alle spedizioni ingombranti, per non parlare del fatto che un peso contenuto ti permetterà di spostarle senza fatica.

  • Riempi le scatole, mettendo insieme gli oggetti simili. Per cui i vestiti con i vestiti, gli oggetti infrangibili con quelli infrangibili e gli oggetti fragili con i fragili. Provvedi ad imballarle assicurando il grado di sicurezza necessario: soprattutto per bicchieri e stoviglie, provvedi ad incartarli singolarmente, e se possibile, avvolgili nel pluriball o proteggili con gli alveolari. Nell'eventualità tu scelga di spedire con corriere espresso, per i pacchi contenenti oggetti di valore pensa anche alla possibilità di acquistare una spedizione assicurata.

  • Nel riempire la scatola, posiziona gli oggetti più pesanti in basso e quelli più leggeri sulla superficie; eviterai possibili rotture dovute alla pressione.

  • Una volta chiuse, provvedi a segnare ogni scatola con il colore deciso per la stanza di destinazione, il numero progressivo da assegnarle e eventuali indicazioni sulle accortezze da avere durante lo spostamento. Ad esempio se contiene bicchieri, scrivi fragile, se contiene materiale elettrico, inserisci il simbolo di “teme il calore” e via dicendo.

  • Ti consigliamo di non inscatolare tutto, ma di preparare anche un paio di valigie con il necessario per tre quattro giorni; sarai così sicuro di avere a disposizioni cambi a sufficienza facilmente raggiungibili.

 

Finito con gli scatoloni, qualora tu intenda portare con te anche i mobili, provvedi a smontarli uno per volta. Prima di iniziare con un nuovo mobile, unisci insieme i pezzi che compongono un singolo elemento, insacchetta viti e bulloni e attaccali vicino ai pezzi dello stesso. Proteggi le superfici con teli di plastica o fogli di pluriball, eviterai cosi graffi e ammaccature durante il trasporto.

 

Traslocare: le soluzioni a tua disposizione

Vediamo adesso quali sono le opzioni tra cui poter scegliere e come organizzare il trasloco di conseguenza. Infatti ogni soluzione è indicata per alcune situazioni piuttosto che altre, ed anche i costi sono decisamente differenti da offerta ad offerta. Sta perciò a te scegliere quale sia la soluzione più adatta alle tue necessità e agli oggetti che intendi portare con te nel trasloco.

 

Ditta specializzata in traslochi

Questa soluzione, adatta soprattutto per chi deve spostare non solo scatoloni ma anche mobili o attrezzature da ufficio, consente di affidare ad esperti del settore, tutte o parte delle operazioni di trasloco.

Infatti è possibile optare sia per un servizio completo che per un servizio parziale. Il servizio completo, indicato per chi non ha ne tempo ne voglia di dedicarsi a nessuna fase del trasloco, affida completamente alla ditta le operazioni di inscatolamento, smontaggio e rimontaggio dei mobili ed ovviamente trasporto.

Questa è la soluzione più comoda, ma anche la più costosa: parte dai mille euro per traslochi nella stessa città fino ai 6.000 euro per traslochi internazionali (prezzi variabili in base alla quantità di oggetti e mobili da trasportare).

Il servizio parziale invece affida solo parte delle operazioni agli addetti specializzati, ad esempio solo trasporto e rimontaggio o solo trasporto. In questo caso i prezzi sono più bassi, ma comunque variabili e modulabili in base al servizio richiesto.

Come organizzare un trasloco in Italia e allestero 3


Affitto furgone o affitto furgone con autista

Per gli amanti del fai da te, con energie da dedicare alle operazioni di trasporto e rimontaggio, questa soluzione è ottima per risparmiare i costi previsti dalle agenzie specializzate in traslochi.

Per chi infatti ha comunque una grande quantità di scatoloni da spostare e mobili, queste due opzioni permettono di abbattere i costi; c’è però bisogno di ottima organizzazione e soprattutto grande pazienza.

Il costo di affitto di un furgone si aggira intorno ai 80/100 euro al giorno, mentre l’opzione di noleggio con autista si attesta sui 40/80 euro all’ora.

Come è facile intuire, l’opzione con autista si rivela conveniente per traslochi su brevi distanze mentre non lo è per i traslochi nazionali dove rimane preferibile l’affitto in proprio.

Questa soluzione non è adatta per traslochi internazionali, per via delle pratiche burocratiche da supportare e dai costi che inevitabilmente lieviterebbero a dismisura.

 

Spedizione con corriere espresso

Qualora tu abbia solo scatole da portare con te, una soluzione comoda e conveniente potrebbe essere quella di utilizzare un servizio di corriere espresso. Provvederanno a ritirare i colli dal tuo domicilio e a consegnarli direttamente al luogo di destinazione.

Nel frattempo potrai monitorare il percorso degli stessi grazie al sistema di tracking, disponibile anche per le spedizioni internazionali.

Questa soluzione è adatta per chi ha un numero non troppo elevato di scatoloni da inviare e vuole optare per una soluzione fai da te a poco prezzo. Infatti l’invio di un pacco tra i 20 e i 30 chili oscilla tra i 20 e i 50 euro, ed è inoltre possibile aggiungere dei servizi supplementari come la consegna al piano e l’assicurazione.

Inoltre potrai risparmiare ulteriormente sui costi, decidendo di utilizzare i servizi di spedizione online che, grazie alla presenza dei comparatori di tariffe e agli accordi commerciali stipulati con i maggiori corrieri, sono in grado di assicurarti un vantaggio sulle tariffe di spedizione offerte dai principali corrieri italiani.

 

Traslochi all’estero? Attenzione alla documentazione

Un trasloco internazionale non differisce molto da uno nazionale: stesse fasi, stesse procedure stesse soluzioni, maggiori distanze e prezzi più alti.

Ma c’è comunque un’importante differenza: la documentazione da allegare al trasporto.

Anche gli effetti personali che transitano dalle dogane hanno bisogno di una precisa documentazione che ne permetta le pratiche di sdoganamento.

Avrai bisogno di una distinta dei colli e fattura proforma che attesti gli oggetti che stanno oltrepassando la frontiera e il loro valore; inoltre sarà necessario allegare copia del proprio passaporto.

Di solito non sono previsti dazi per gli effetti personali, ma le dogane devono conoscere comunque l’ammontare del valore degli oggetti che transitano.

Un errore nella compilazione di questi documenti può portare a ritardi o blocchi del carico, con conseguenti disagi e perdite di tempo;

È per questo che, in caso di traslochi internazionali, è consigliabile affidarsi alle ditte specializzate o a servizi di corriere espresso e spedizioni online.

Entrambi offrono supporto nella compilazione dei documenti di accompagnamento, cosicché tu possa essere tranquillo di fare tutto secondo le regole ed evitare blocchi o ritardi.

 

Per concludere

Organizzare un trasloco può essere un'esperienza entusiasmante ma al contempo stressante.

Seguendo i nostri semplici ma efficaci consigli, pianificando tutto per tempo e affidandoti al servizio che più si addice alla tua situazione, potrai affrontarlo con il sorriso e godere appieno dell’inizio di una nuova avventura, ovunque tu sia.

come imballare un pacco

Categorie: Spedizioni online, Spedizioni internazionali

Il team di Spedire.com

Il team di Spedire.com

Spedire.com è la compagnia di spedizioni online più grande in Italia che conta su più di 50.000 utenti registrati. I nostri clienti apprezzano il nostro servizio così tanto che ci hanno lasciato più di 1,000 commenti positivi con una percentuale di soddisfazione del 98%.

Previous post

Next post

    Fai subito la tua prima spedizione con Spedire.com
     

    Iscriviti alla Newsletter
    del blog di Spedire.com

    Riceverai subito un buono
    sconto del 10% per la tua
    prima spedizione su Spedire.com.

    Post più letti

    Cosa fare se il tuo pacco è fermo alla dogana?
    Come spedire una lettera in Italia
    Come spedire documenti in modo sicuro
    Consigli su come spedire farmaci all'estero
    Il calcolo dazi doganali online per spedire e ricevere merci senza errori

    Guida alla tua prima
    spedizione online

    Vuoi iniziare a spedire online ma non sai da dove iniziare?
    Se vuoi spedire i tuoi pacchi in Italia o all’estero in modo semplice e veloce la nostra guida ti accompagnerà in tutto il processo di spedizione.

     SCARICA LA GUIDA