Blog di Spedire.com

Assicurare una spedizione con Spedire.com: perchè è importante

Pubblicato da Luca Lorenzini il 17 aprile 2018

“Assicurare o non assicurare? Questo è il problema. Se sia più nobile nella mente soffrire colpi d'ansia e sperare nella fortuna o assicurar spedizioni contro un mare d'evenienze e, opponendosi, por loro fine?”, direbbe Amleto in una versione rivisitata della celebre tragedia di Shakespeare.

Non vi consigliamo di andarla a vedere nei teatri, se non in forma originale, ma possiamo darvi una risposta al dilemma posto dal protagonista, soprattutto se si tratta di spedizioni di valore: fate questa benedetta assicurazione.

Spedire.com assicura gratis fino a 150 euro

Il portale di spedizioni online Spedire.com offre ai clienti l'assicurazione gratuita per tutte le spedizioni in Italia e all'estero per beni di valore fino a 150 euro. Questa nostra assicurazione non prevede franchigia e permette così di vedervi rimborsato il valore effettivo del vostro pacco o documento, da 1 a 150 euro.

Se il valore della merce che si intende spedire supera tale valore (fino a un massimo di 5.000 euro) è previsto un costo aggiuntivo. Inoltre sono da tenere in conto, in un caso come nell'altro, i requisiti cui deve corrispondere la spedizione in caso di danneggiamento, furto o smarrimento.

  • In fase di ricezione della merce è importante firmare con riserva di controllo specifica, segnalando in dettaglio i danni visibili sul pacco (solo in caso di danneggiamento).
  • Trasmettere entro 24/48 ore dall'accaduto al nostro centro servizi una segnalazione dettagliata della spedizione danneggiata o smarrita.
  • Essere in possesso di un documento con valore fiscale (fattura o scontrino recenti e con data antecedente la spedizione) che attesti il valore del prodotto trasportato.

Per gli utenti non registrati l’assicurazione ha, a prescindere, un costo di 1,50 euro a spedizione.

Assicurare una spedizione? Conviene!

Se il contenuto è di valore, economico o sentimentale, conviene sempre assicurare la spedizione. Anzitutto perchè è l'unico modo di avere “soddisfazione” da un punto di vista del rimborso in caso di smarrimento, furto o danneggiamento: al di là dell'affidabilità del corriere, e quindi di un rischio calcolato per certi versi, perchè non togliersi ogni dubbio?

Se infatti il contenuto del pacco o della busta non fosse assicurato, potreste ottenere al massimo il rimborso delle spese di spedizione. Una somma accettabile solo in pochissimi casi, ovvero quelli in cui il valore di ciò che inviate è quasi nullo. E poi con Spedire.com il servizio è gratuito fino a 150 euro, difficile non approfittarne per assicurare una spedizione.

Norme: tutela del consumatore e responsabilità

A livello prettamente statistico possono occorrere centinaia, se non migliaia cause fortuite o volute durante un trasporto in grado di danneggiare i pacchi presi in carico da un corriere. Per fortuna ci sono delle leggi che tutelano il consumatore (colui che spedisce) e che permettono di capire fin da subito quando è effettivamente possibile richiedere un rimborso all'ente assicurativo/corriere e quando invece non lo è.

L’articolo 1963 del Codice Civile stabilisce la seguente vicenda:

“Il vettore è responsabile della perdita e dell'avaria delle cose consegnategli per il trasporto, dal momento in cui le riceve a quello in cui le riconsegna al destinatario, se non prova che la perdita o l'avaria è derivata da caso fortuito, dalla natura o dai vizi delle cose stesse o del loro imballaggio o dal fatto del mittente o da quello del destinatario”.

Per dirla e spiegarla in maniera più diretta, il corriere diventa responsabile dello smarrimento, del furto o del danneggiamento di un pacco solo se non sono state rilevate responsabilità del mittente o del destinatario. E devono essere escluse anche le cause di forza maggiore, non dipendenti dunque dal corriere stesso come terremoti, incendi, guerre, frane, maremoti, invasioni aliene, tempesta di meteoriti, Godzilla, epidemia zombie e olocausto nucleare (sì, ci siamo fatti prendere un po' la mano).

assicurare una spedizione con spedire.com

Norme: il rimborso

Guardando invece a un'altra norma, ovvero il Comma 2 dell’art. 1696 del Codice Civile come modificato dall’art. 10 del decreto legislativo del 21.11.2005 n. 286, leggiamo che: “Il risarcimento dovuto dal vettore non può essere superiore a un euro per ogni chilogrammo di peso lordo della merce perduta o avariata”.

Ogni spedizione nazionale (fino a un massimo di 80 kg) è dunque assicurata a norma di legge e prevede un rimborso di 1 euro per ogni kg sempre nel caso che il danno non sia stato causato dal mittente (imballaggio errato, merce proibita, ecc), dal destinatario (maltrattamento alla consegna) o da cause di forza maggiore (eventi di portata eccezionale di cui sopra).

Pare ovvio che la cifra di 1 euro al kg, manco fosse un mercato ortofrutticolo, appare ridicola, ma così recita la legge. Rifletteteci bene quando decidete di spedire il nuovo tablet comprato per fare un regalo al vostro parente lontano: rischiate di avere indietro 1-2 euro al massimo in caso di eventi sfortunati. Come già detto sopra, parliamo di merce di valore: il consiglio è sempre quello di assicurare una spedizione per il suo reale valore, ove possibile.

Se invece parliamo di una spedizione internazionale (su strada) e di responsabilità dello spedizioniere, bisogna attenersi a quanto afferma la Convenzione Internazionale di Ginevra del 19/5/1956, la CMR (Convention relative au contrat de transport international de Marchandises par Route): rimborso massimo di 8,33 DSP (diritti speciali di prelievo) per ogni kg trasportato (al lordo).

Le buone abitudini da non dimenticare mai

Ovviamente si può ovviare a tutte queste problematiche avendo cura di ogni passaggio nell'iter di spedizione (nel caso del mittente) e di ricezione (nel caso del destinatario).

Se dovete inviare un pacco è necessario avere massima cura nel confezionamento e nell'imballaggio, verificare che i dati siano corretti e se il contenuto non faccia parte degli oggetti proibiti: diversamente rischiate di non avere diritto al rimborso, anche se assicurato, e di dover rispondere di eventuali danni causati dalla vostra spedizione.

Se il pacco lo ricevete il consiglio è di accettare sempre con riserva la consegna, anche se non doveste riscontrare anomalie iniziali. Inoltre non dovete gettare l'imballo originale con cui l'oggetto è stato spedito: alcuni corrieri partner di Spedire.com permettono di aprire la pratica per danneggiamento solo a seguito della perizia sugli imballaggi.

In ogni caso vi consigliamo di contattarci tramite ticket online utilizzando il label rosso di aiuto che trovi in basso a destra in tutte le pagine di Spedire.com con oggetto "Smarrimento o danneggiamento spedizione".

Acquista ora su spedire.com

Tags: Spedizioni fragili, Spedizioni di componenti di elettronica, Spedire documenti, Spedizioni online, Attrezzatura sportiva

Ti diamo il nostro benvenuto nel blog...

Noi di Spedire.com vogliamo offrirti consigli utili e pronti all'uso per organizzare al meglio le tue spedizioni, di ogni tipo e verso tutte le destinazioni del mondo.

Se vuoi approfondire la tua lettura, continua a leggere il nostro blog!

Articoli più recenti